Agosto

Agosto non è un mese dell’anno: agosto è un buco nero spazio-temporale.

I giorni della settimana si svestono del loro significato, il mercoledì diventa simile alla domenica.
Anche nel caso in cui le ferie non vengano godute in questo periodo dell’anno, il sistema intero è comunque in una fase di stallo: agosto è il mese delle serrande abbassate, tutto sembra fermo, tutto sembra distante.
È il periodo dell’anno in cui, complice questa situazione, modifichiamo il nostro modo di essere.

Diventiamo generosi di buoni propositi, per tutte le attività che riprenderanno a settembre, con la stessa facilità con cui si parla di dieta con la pancia piena.
Agosto è il mese delle nuove amicizie: ci disponiamo diversamente verso il nostro prossimo.

Ci apriamo a coloro che sono rimasti in città a farci compagnia, iniziando nuove relazioni che vadano oltre i soliti noti.

In villeggiatura ci apriamo a chi si trova con noi per caso fortuito, conversando, confrontando quotidianità uguali nel contenuto ma diverse nella forma.

Il fatto di sapere in anticipo che si tratta di un’amicizia a termine, destinata a risolversi col rientro a casa, ci mette nella condizione di essere più sinceri, di abbassare la guardia.

Talvolta da queste situazioni nascono nuovi amori.
Cantava Alvaro Soler lo scorso anno

“… Senza te mi sento un clandestino, dovunque io vada vedo il tuo volto: è un eterno eterno agosto…”

La prospettiva si rovescia: la vita reale è la vacanza, e il ritorno a casa ci fa sentire dei clandestini; pur essendo lo stesso luogo di sempre, la nostra casa, la nostra città, non ci sembrerà più la stessa.
Gli Skorpions in Wind of change parlano di una notte di agosto in cui i soldati marciano ascoltando il vento del cambiamento 

“… august summer night soldiers passing by listening to the wind of change…”

quale che fosse il contesto storico a cui si riferivano, l’aria delle sere di agosto è foriera di novità, ti riporta al nuovo anno che inizierà non a gennaio ma a settembre.

Agosto è il mese della svolta, è il mese in cui torna il buio presto, eravamo abituati bene.

E poi il mondo della canzone ci ricorda che

“verrà la fine di agosto”

Questa è una canzone che odio, la cantava sempre mia nonna per farmi arrabbiare, per farmi ricordare che l’estate sarebbe finita, prima che arrivassero i Righeira.

Annunci

4 Replies to “Agosto”

  1. Agosto non è mai stato il mio mese preferito.
    Troppo caldo.
    Poche persone da incontrare.
    Voglia di fare in veloce calo.Ma non si può ancora dire che ‘l’estate sta finendo’, dato che siamo proprio a metà stagione. Forse la fine di agosto è un po’ più decisiva per la fine delle ferie e delle vacanze.
    Ciao.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...