Distacchi *

Che cos’è l’amor? 

è un indirizzo sul comó

di un posto d’oltremare

che è lontano solo prima d’arrivare

(Vinicio Capossela)

Nel suo libro ‘Distacchi e altri addii’ Gianna Schelotto descrive l’ambivalenza dei sentimenti che si provano in una fase di transizione come l’attraversamento di un lago con la barca: finché sei nei pressi della sponda di partenza prevale il dispiacere di staccarsi da una situazione nota, poi man mano che ti allontani e ti avvicini invece alla sponda di destinazione, la nostalgia per quello che è il passato lascia spazio all’anelito di conoscere quello che sarà.

Ora detta così come l’ho detta io forse rende poco, magari la descrizione più precisa la si può avere leggendosi il libro.

Fatto sta che personalmente sento preponderante invece la seconda fase da subito, salvo poi ritrovarmi a sedere sulla sponda opposta e guardare a bocce ferme quello che era stato, e sorprendermi della sua maestosità. 

Un po’ come la mia salita sulla piramide di chichen itza: affrontata la salita tutta d’un fiato mi sono ritrovata in cima in preda al panico per la vertigine della parete ripida, che non me ne ero proprio resa conto.

Ma se nella vita ‘indietro non si torna’, da quella piramide ho dovuto trovare le forze per tornare giù!

(* post decongelato)

Annunci

3 Replies to “Distacchi *”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...