Clima di attesa

Saluti come il wi-fi, che ‘prende’ solo se se c’è connessione; saluti come partite di biliardo, studiati nelle minime angolature e traiettorie; smancerie e profusioni che solo semel in anno una tale bulimia di baci&abbracci.
Il nonno vigile che con la paletta nella mano destra domina il mondo, mentre invece sta solo salutando il suo compare.

Mancano 3 cioccolatini a Natale.
Donne alle 8 di mattina con un makeup che per applicarlo tutto devono essersi svegliate all’alba del giorno prima.

Individui che si trasformano in orde di acquirenti, fagocitando qualunque cosa si appresti ad essere incartata, e spesso è il pacchetto l’unica cosa che ha senso.
Onorevoli cause che si palesano, l’AIRC, l’AIDO, l’ADMO, la città della Speranza, l’AISM, i bambini di Chernobyl, le adozioni a distanza; ma anche il canile, il gattile, la LIPU, la LAV; ma anche tutte le scuole di ogni ordine e grado.
Così il pacchetto che era per te, ed era vuoto o pieno di inutile, diventa una partecipazione ad una buona causa, ma per un altro. 
“Perché hai già tutto” che si traduce in “perché non ho voglia di smazzarmi a pensare cosa possa farti piacere”.
Frasi fatte, meccanismi sociali patologici.
Così stanca del Natale che sono stanca anche degli anticonformisti, quelli che partono al 15 di novembre a ribadire che loro il Natale lo odiano, facendo esattamente il gioco del lupo.

I miei omini Gingerbread stanno in frigorifero, avviluppati nella palla del loro impasto; il treno per la decorazione l’hanno già perso, se continua così potrebbero venire biscottati senza essere ritagliati: lascerò alla fantasia dei buongustai la loro definizione, chè tanto una volta varcata la soglia delle fauci ritornano subito ad essere briciole.

Annunci

11 Replies to “Clima di attesa”

  1. Mi ero ripromessa di optare per il minimalismo , quest’anno….
    Ho incartato SOLO 23 regali la maggior parte dei quali va a persone che…., ok , basta cosi’.
    Ma è’ Natale!…………..E allora? A costo di essere impopolare , cosa pagherei per passarmelo a letto a leggere , senza cucinare , truccarmi [ è diventato indispensabile , se devo avere contatti sociali] o soltanto fare la faccia contenta !
    Odio la retorica , ma pesa addosso quello che sta succedendo nel mondo , si ha molta meno voglia di sorridere…
    O no?

    Liked by 2 people

    1. Il fatto è che la maggiornaza la pensa come te (anch’io) ma poi non possiamo dire di no ai genitori, ai fratelli, ai figli, ai parenti… Verrebbe da lasciare tutto e tutti, verrebbe da scappare e ritrovare il vero significato del Natale, verrebbe tentare di essere felici senza stare seduti a tavola e senza l’ossessione dei regali.

      Ma qualcosa ci blocca e scappare non si può.

      Liked by 1 persona

      1. Si’ , un po’ tutto insieme , per me….

        Mi sembra stupido stare a far pacchetti, ecc.ecc., come se mi volessi allontanare o anestetizzare dai fatti concreti che mi stanno attorno…

        Riguardo ai 23 regali , ho scritto SOLO , con maiuscola , per sottolineare l’esagerazione del numero …., e qui ho messo ecc.ecc. , per comprendere tutti gli altri “obblighi”che ci creiamo in questo periodo…

        Ma..buon Natale, dai , se no divento pesante!

        Liked by 1 persona

      2. Infatti… ironizzavo sul SOLO…. confezionare pacchetti perché vengano scartati, preparare pranzi e cene per dopo doverli smaltire… scava la buca e riempi la buca… tutto di corsa…

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...