L’identikit

24 dicembre, mattina della vigilia di Natale.
Ci siamo quasi, la clessidra sta per esaurire la sabbia, mancano poche ore al Natale e, come nelle partenze agostane intelligenti, è uno di quei giorni di colore nerissimo: potendo, è meglio evitare di muoversi, di girare per i negozi, di fare acquisti.
Potendo significa ‘essendosi organizzati prima’, cosa che io non ho fatto.

Ogni anno va peggio, continuo a vedere in lontananza la data e respingo il pensiero delle incombenze, certa che in qualche modo le cose alla fine troveranno una loro collocazione, che quello che è necessario comprare in qualche momento lo si compra, che se le difficoltà sono abbastanza grandi si arrangeranno da sole.
Così la mia olimpiade di corsa all’incastro delle attività quotidiane con i preparativi natalizi giunge al rush finale alla mattina del 24: acquisti ai grandi magazzini con tutta la famiglia al seguito.
Meriterei la medaglia d’oro nella specialità solo perchè competo agli acquisti con tutta la truppa.
Manca poco, pochissimo, ultimo acquisto ultimo. La commessa estrapola le maglie dagli scaffali e me le svolge sotto agli occhi, in modo che io possa apprezzare taglia/modello/colore/prezzo e valutare se adeguato. Ad ogni nuovo pezzo faccio il confronto col precedente e rivolgo lo sguardo a mio marito per capire la sua valutazione. 

E ogni volta mi ritrovo a fissare il vuoto: le bimbe scorrazzano e lui le rincorre. Lo chiamo, viene allo stand, bofonchia, la commessa fa un’altra proposta e lui sparisce.

Più che un aiuto per gli acquisti, un ectoplasma.
Avanti così per 4 o 5 maglie, fino a che realizzo che è un circolo vizioso: più lui si allontana, più aumenta l’indecisione, più proposte farà la commessa, più difficile sarà scegliere, più le bimbe correranno in giro. 

Non ne usciremo, già mi vedo alla vigilia di Natale 2017 davanti alla nuova collezione e ai capi in saldo della stagione precedente, sommersa.

Alzo il capo e ancora il nulla; spazientita o forse esasperata lo chiamo in modo molto secco, asciutto, senza alzare troppo la voce ma facendo conto sulla mia determinazione: due sillabe ben scandite che purtroppo non sortiscono però nessun effetto.

La commessa che mi segue attende la comparsa, quella dello stand a fianco sembra comprendere il mio stato d’animo, mi si avvicina e mi chiede in tono di aiuto: “Quanto alto è più o meno?”

Mi sento confortata: sollevo la mano sopra la mia testa di una decina di cm, la piego ad angolo retto e, pur se la domanda è approssimativa io cerco di rispondere con precisione “Più o meno così”.

Mi sento come quella che ha indovinato la risposta esatta ad una domanda difficile all’esame: è una statura importante, è più facile individuarlo.

La commessa risponde laconica “AH”; quello che io interpreto come l’inizio di una ricerca, in realtà è un ritorno sconfortato allo stand di competenza.

Vorrebbe non dire nulla ma evidentemente il mio sguardo interrogativo non lascia spazio al suo retrocedere. Pertanto conclude “credevo si trattasse di un bambino!”

Annunci

5 Replies to “L’identikit”

  1. Ahahah che ridere Elena. Scusa, so che per te dev’essere difficile, ma la scena che hai dipinto è troppo divertente…
    Posso esprimere un pizzico di solidarietà per tuo marito? Anch’io non sopporto fare acquisti, nemmeno quando sono per me! Per fortuna ci siete voi, nostre compagne e nostra salvezza, così comprensive, così efficienti.
    Buone feste!
    Andrea

    Liked by 1 persona

      1. Era perfettamente comprensibile visto che lo stavi aiutando a scegliersi qualcosa per lui. Anche mia moglie mi aiuta tantissimo: io mi chiudo in un camerino e lei mi porta i capi di abbigliamento, io li indosso e poi lei esprime il verdetto. In un’ora mi faccio il guardaroba per un paio di anni. Per me è una figata: odio andare a negozi e prima ne esco meglio è! Grazie a lei siamo velocissimi 😍

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...